giovedì 26 giugno 2014

Bonomo olio siciliano da Cerasula eletto miglior olio TerrorVino 2014



E’ un olio siciliano della varietà Cerasuola quello eletto miglior Olio di TerroirVino 2014, l’ Olio dell’azienda agricola Bonomo di Partinico. L’importante manifestazione TerroirVino, giunta alla sua decima edizione, è l’evento annuale organizzato dalla commissione degustatrice di TigullioVino,wine magazine italiano online da aprile 2000. Occasione di verifica e confronto con i protagonisti dell’informazione online, gli operatori del vino e i lettori, TerroirVino è un banco d’assaggio di qualità superiore: solo il meglio dei vini e degli oli effettivamente degustati, dal 2000 ad oggi, dalla commissione degustatrice del sito, alla presenza dei produttori.


L’azienda Bonomo nasce da un progetto di famiglia, dopo molti anni dedicati ai terreni avuti in eredità dai nonni, si estende su circa 8 ettari, gli oliveti sono situati a un’altitudine tra i 150 e i 350 m s.l.m. L’azienda ha una storia tutta familiare tramandata sino ai nostri giorni con continuità, dedizione, passione, tenacia e spirito imprenditoriale. Nasce dall’esigenza di sperimentare e innovare, gli oliveti secolari sono ripristinati e nel corso degli anni sono impiantati i nuovi oliveti tutti di varietà Cerasuola, scelta fondamentale per dare al prodotto l’identità territoriale.


L’azienda Bonomo crede che sia fondamentale il rispetto della pianta e dei cicli naturali per ottenere il massimo dall’olivo e che la continua presenza dell’uomo sia la base per capire come e quando intervenire sulla pianta. Inoltre, per l’ottenimento di olio di qualità oltre ad assicurarsi olive sane sulla pianta sia necessario seguire tutto il suo percorso di produzione. La valorizzazione e il rispetto del patrimonio olivicolo locale, combinato all’utilizzo di sistemi di lavorazione all’avanguardia, si traducono in un prodotto di qualità superiore, in cui identità territoriale e aziendale si fondono con passione ed entusiasmo.


Note di degustazione dell’Olio Bonomo campagna olearia 2013

Splendido colore giallo con riflessi verdolini, dal fruttato medio, ha fresche note vegetali di pasta d’olive, carciofo e percezioni agrumate, al palato di buona dolcezza, riempie la bocca delle sensazioni olfattive con equilibrata piccantezza, percezione sapida e lieve retrogusto amaricante. Da utilizzare a crudo su insalate, antipasti freddi di pesce e verdure ed a caldo con primi e secondi piatti elaborati di carne e pesce. 

Vedi anche :
 http://giornalevinocibo.com/
http://www.winetaste.it/http://www.winetaste.it/

Le mie impressioni :

L’olio extra vergine di oliva da Cerasuola Bonomo è sempre presente nella mia cucina e molte delle mie creazioni vengono realizzate grazie all’ausilio di questo extra vergine .

Concordo con la degustazione effettuata dagli esperti , questo olio ha fresche note vegetali di pasta d’olive, carciofo e percezioni agrumate, con equilibrata piccantezza, percezione sapida e lieve retrogusto amaricante. Queste sue qualità lo rendono particolarmente adatto a crudo su insalate, antipasti freddi di pesce e verdure e perfetto per arricchire zuppe e minestre . Da utilizzare a caldo con primi e secondi piatti elaborati di carne e pesce. 

Io l’ho utilizzato anche per realizzare dei dolci:


Crostatine con la marmellata di lamponi 


E sono pienamente soddisfatta del risultato,  morbidissima la torta di mele , leggera e fragrante la pasta delle crostatine.
Share:

martedì 24 giugno 2014

#WeAreTowerParade: arte e solidarietà a Milano per celebrare i 15 anni di UniCredit




#WeAreTowerParade è un’iniziativa che s’inserisce tra le iniziative proposte per celebrare i 15 anni dalla nascita di UniCredit, e la sua nuova sede centrale Unicredit Tower che ad oggi è l'edificio più alto d’Italia ; nel 2013 è stato incluso fra i dieci grattacieli più belli del mondo nella classifica stilata dalla società tedesca Emporis Building.


UniCredit ha chiesto a 27 creativi e degli studenti di quattro scuole di design e illustrazione di Milano, di interpretare secondo il loro estro, fantasia e creatività 31 torri, tanti quanti sono i piani che compongono questo grattacielo , in un percorso di idee, stili e colori . 

Hanno partecipato all’iniziativa gli studenti della Scuola di Design del Politecnico di Milano, della Scuola di Visual Communication dello IED – Istituto Europe di Design, di NABA – Nuova Accademia di Belle Arti, corso di Fashion Design e di Mimaster illustrazione – Scuola OPPI e 27 artisti e creativi quali, tra gli altri, l'ex tastierista dei Bluvertigo Andy, Mitja Bombardieri aka Verbo, Fabio Giampietro, Fabio Roncato e Miriam Secco.

 Le 31 torri, che riproducono in scala l’originale , portano questa esperienza creativa nel cuore di Milano partendo dal nobile tema “le radici nel futuro”.


Le 31 torri, alte circa due metri ciascuna, saranno esposte dal 5 al 10 giugno in piazza Gae Aulenti, sede del nuovo Headquarters di UniCredit, mentre dal 12 al 30 giugno saranno esposte per le vie del centro e collegheranno idealmente la nuova sede di piazza Gae Aulenti con la sede storica del gruppo in piazza Cordusio, il futuro e la storia della banca.

Le opere, si tradurranno in sostegno concreto per progetti non profit destinati a giovani in situazioni di disagio sociale.
Investire sui giovani è infatti l'obiettivo dell'iniziativa solidale legata al progetto #wearetowerparade e per questo si potranno votare le 31 opere su towerparade.it.

Grazie a UniCredit Foundation si destinerà così un contributo a 7 Onlus attive su tutto il territorio nazionale con progetti a sostegno dell'inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. 
 In base al numero di voti e alle donazioni dirette ricevute, UniCredit Foundation supporterà 7 ONLUS impegnate nell’inserimento di giovani nel mondo del lavoro. È inoltre possibile scegliere di donare un proprio contributo direttamente alle Onlus grazie all'apposita applicazione sul sito.

Negli ultimi due anni UniCredit Foundation ha avviato e gestito progetti dedicati alla promozione dell’impresa sociale nei paesi in cui UniCredit è presente, che hanno originato oltre 320 posti di lavoro per giovani svantaggiati. Con #WeAreTowerParade UniCredit conferma quindi il sostegno alla solidarietà e alla creatività, nella profonda convinzione che la cultura sia un punto di raccordo tra passato e futuro e sappia esprimere e anticipare tendenze e innovazioni 


VOTA LE OPERE PER SOSTENERE IL PROGETTO

a questo inidirizzo trovi tutte le opere del progetto .Sfoglia la gallery delle 31 Creative Tower   e vota le tue opere   preferite , per sostenere questo progetto non profit , ricorda è per una buona causa.


Ogni voto contribuisce a far salire la soglia delle donazioni . 
Puoi votare tutte le opere ma solo 1 volta ciascuna. Al raggiungimento della soglie prestabilite, la somma corrispondente sarà devoluta equamente da UniCredit Foundation , alle 7 Onlus . 

 Per saperne di più leggi il regolamento



 www.towerparade.it
Segui l'iniziativa tramite l'hashtag #wearetowerparade
Facebook: UniCredit Italia
Twitter: @UniCredit_PR
G+: +UniCreditGroup

Share:

lunedì 23 giugno 2014

Riso venere con porri , gamberi e crema di rucola




Ingredienti per 4 persone :

300 gr. di riso venere Gallo
12 gamberoni
100 gr. di rucola Insal'Arte
1 ciuffo di basilico
1 porro
1 carota
1 spicchio d’aglio
1 foglia di alloro
1 scalogno
1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
1 cucchiaio di farina
½ bicchiere di vino bianco
1 pomodoro ramato
2 cucchiai di mandorle
1 cucchiaio raso di Shichimi tōgarashi
sale fino q.b.
olio extra vergine Bonomo

Procedimento : pulite i gamberoni , eliminate la testa e il carapace, poi eliminate il budellino centrale . Tritate la carota e alcune fettine di aglio , fateli rosolare in un tegame con un filo di olio extra vergine di oliva, assieme alla foglia di alloro , aggiungete le teste dei gamberi e il carapace, fate tostare a fuoco dolce per una decina di minuti poi aggiungete circa 800 ml. di acqua , coprite a fate cuocere a fuoco dolce per 30 minuti,  spegnete il fuoco, lasciate riposare per altri 30 minuti poi filtrate , regolate di sale ; questo fumetto sarà la base del nostro risotto.
 
Inserite i gamberoni in una ciotola , conditeli con la spezia Shichimi tōgarashi e alcune fettine di aglio, aggiungete un filo di olio extra vergine di oliva, mescolate bene , poi coprite il recipiente e lasciate riposare in frigo.
 
Porre nel frullatore 70 gr. di rucola , il ciuffo di basilico, 1 cucchiaio di mandorle e 1 cucchiaio di Parmigiano grattugiato e abbondante olio extra vergine di oliva, dovete ottenere una crema fluida , che sarà il condimento del nostro piatto ; al termine regolate di sale.
 
Prendete il porro e tagliatelo a rondelle sottili, separatele in anelli singoli e passateli nella farina . Friggeteli velocemente in abbondante olio extra vergine di oliva saranno pronti in qualche secondo . Adagiateli su carta assorbente da cucina e tenete da parte.
 
Tagliare a cubetti il pomodoro.
 
Tritate lo scalogno e fatelo rosolare con un filo di olio extra vergine di oliva, aggiungere il riso venere e fatelo tostare, poi sfumare con il vino bianco, aggiungere gradualmente il fumetto bollente e portate a cottura ( circa 20 minuti ), regolate di sale , lasciate riposare alcuni minuti prima si servire il riso.
 
Nel frattempo in una wok caldissima far cuocere velocemente i gamberoni.
 
Composizione del piatto : con l’aiuto di un coppa pasta rotondo porre al centro del piatto un nido di risotto, depositare sopra un cucchiaio di porri fritti e sopra alcuni gamberoni. Decorare intorno con delle foglioline di rucola e dei cubetti di pomodoro, nappare il tutto con la crema di rucola, infine decorare con delle scaglie di mandorle.
 
Vino consigliato : Manzoni bianco spumante di Dogarina


Share:

martedì 17 giugno 2014

Insalata di pollo e patate novelle con salsa Hot chicken Calvè



 
Oggi vi presento una mia rivisitazione di un classico piatto estivo : l’insalata di pollo. Questo piatto viene di solito preparato con del pollo bollito, oppure con del pollo arrosto avanzato, io in questo caso l’ho realizzata con delle fettine di pollo aromatizzate con la polvere di capperi , ho tagliato poi il pollo a striscioline e l’ho condito con salsa Hot Chitcken di Calvè. In questa salsa la base di maionese e senape è arricchita con i toni caldi e piccanti della cayenna. Una salsa ideale per dare cremosità e corpo al piatto. Ho abbinato un’insalata condita con una vinaigrette alle bacche di Goji e una tocco di cipolla agrodolce .

Ingredienti per 4 persone :

• 4 fettine di pollo
• 3 patate novelle di medie dimensioni
• 1 ciuffo di prezzemolo
• 150 gr. di insalatina tipo misticanza
• 1 cipolla bianca di Chioggia
• 1 cucchiaio raso di polvere di capperi La Nicchia
• ½ cucchiaio di zucchero
• 2 cucchiai di bacche di Goji
• Salsa Hot chicken  Calvè q.b.
• 100 ml. di vino rose
• aceto di mele q.b.
• sale fino q.b.
• olio extra vergine di oliva Bonomo


Procedimento :
 
Per la vinaigrette alle bacche di Goji :
 
in una ciotola emulsionare 40 ml. di olio extra vergine di oliva con 10 ml. di aceto di mele,  aggiungere le bacche di Goji, e un pizzico di sale , mescolare bene , coprire il recipiente e lasciare riposare in frigo per almeno 1 ora.
 
Procediamo ora con le fettine di pollo : battere leggermente la carne , asciugarla con carta cucina , poi condirla con sale e polvere di capperi. Posizionare le fettine in un piatto, irrorarle con un filo di olio extra vergine di oliva, girarle con una forchetta, poi coprirle con un film trasparente e lasciar riposare in frigo per almeno 30 minuti.
 
Per l’insalata di patate :
 
lessare le patate novelle in abbondante acqua , poi sbucciarle e una volta tiepide tagliarle a fettine , condirle con olio , sale e un trito di prezzemolo. Coprire il piatto e lasciar riposare in frigo.
 
Per la cipolla agrodolce :
 
sbucciare la cipolla , affettarla sottilmente, poi farla brasare con un filo di olio extra vergine di oliva, sfumare con il vino rosè, poi aggiungere l’aceto , dopo alcuni minuti aggiungere lo zucchero e far caramellare.
 
A questo punto porre sul fuoco una padella con fondo in ceramica. Quando questa è ben calda cuocere le fettine, devono essere ben rosate e morbide all’interno. Una volta cotte lasciarle riposare per alcuni minuti, poi tagliarle e striscioline . Porre le striscioline di pollo in una ciotola , poi aggiungere la salsa Hot Chicken di Calvè , fino ad ottenre un composto abbastanza cremoso.
 
Condire la misticanza con la vinaigrette alle bacche di goji.
 
Presentazione del piatto : distribuire sul piatto la misticanza, porre al centro con l’aiuto di un coppapasta ovale della Guardini, fare un primo strato di insalata di patate, poi aggiungere l’insalata di pollo e posizionare sopra ½ cucchiaio di cipolla agrodolce.
 
 

Vino consigliato : Raboso rosato frizzante

Vedi siti : http://www.vistochebuono.it/

Share:

domenica 8 giugno 2014

Crostatine con la marmellata di lamponi



La crostata di marmellata è un dolce squisito, idelae per la colazione , per la merenda e anche come dolce di fine pasto ; è un dolce molto versatile , lo potete farcire con la confettura che preferite . 

 Per colazione domenicale ho realizzato queste crostatine farcite con la confettura di lamponi, la pasta frolla invece l'ho realizzata la sera precedente .

 Ingredienti per 5 crostatine :

210 gr. di farina  Garofale W260
2 tuorli
50 ml. di olio extra vergine di oliva Bonomo 
350 gr. di confettura extra ai lamponi Vis
70 ml. di yogurt alla vaniglia
la punta di un cucchiano di buccia grattugiata di limone
1 pizzico di sale
80 gr. di zucchero
zucchero a velo q.b.


Preparazione: disponete la farina a fontana, versate nel centro i tuorli d’uovo, lo zucchero, un pizzico di sale, la buccia di limone , l'olio d'oliva e lo yogurt . Impastate velocemente il tutto, e lavoratelo brevemente a mano in modo da formare un impasto liscio e omogeneo poi date alla pasta la forma di un panetto, avvolgetelo nella pellicola per alimenti e lasciatelo riposare in frigo per una notte . 

 Il mattino seguente accendere il forno a 180° . Stendere l'impasto su di una superficie infarinata con il mattarello, portandolo allo spessore di circa 3 mm. e con due 2/3 dell'impasto rivestire il fondo di 5 formine per crostatine antiaderenti ( io Guardini linea Keramia ). 

Riempirle con un abbondante quantitavo di marmellata, arrivando quasi fino al bordo , livellare con il dorso di un cucchaio. Con la pasta rimanente fatene delle striscie della larghezza di 1, 5 cm. con le quali coprirete le crostatine a griglia . 
Cuocere in forno  caldo a 180°C per 25-30 minuti. Lasciate riposare 15 minuti prima di servirle . Spolverate a piacere con dello zucchero a velo.

Share:

martedì 3 giugno 2014

Azienda agricola Dogarina Vigneti in Campodipietra




In occasione della manifestazione “ Cantine Aperte “ abbiamo visitato l’azienda Vigna Dogarina, grazie alla presenza dell’enologo Alberto Caporal , che chi ha raccontato la storia dell’azienda e ci ha spiegato le varie fasi della vinificazione.
L’Azienda Agricola Vigna Dogarina nasce nei primi anni Settanta nella pregiata zona di Campodipietra (Treviso). Moderna e dinamica è un piccolo gioiello incastonato nella campagna veneta tra Venezia e Treviso, vicino al fiume Piave.


 Guido Tonus, imprenditore nel settore del mobile la volle acquistare alla fine degli anni novanta per farne un piccolo gioiello enologico, comprendendo già allora le enormi potenzialità che questo territorio poteva esprimere. 


Oggi Vigna Dogarina con oltre 150 ettari di vigneto di proprietà produce per la maggior parte Prosecco Doc e Vini del Piave, in piccola parte Prosecco DOCG.

Oggi l’azienda di famiglia è diretta dalla giovane ed intraprendente Romina, figlia del fondatore Guido che innamorata della sua terra guarda a questa con occhi nuovi pur perseguendo la lungimiranza di suo padre che aveva già intravisto le potenzialità di crescita quando l’acquistò. Favorita dalla sua privilegiata posizione a sud di Conegliano e Valdobbiadene, tra il fiume Piave, al riparo delle Dolomiti, l’azienda agricola Dogarina può sfruttare appieno le condizioni pedo-climatiche di questo incantevole lembo di territorio veneto per produrre vini dai profumi e sapori irripetibili.
 I vigneti crescono nelle terre del caranto, un terreno alluvionale e argilloso, ricco di calcio e magnesio che le acque del fiume Piave trasportano dalle Dolomiti alle campagne di Campodipietra. Oggi l’azienda conta oltre 100 ettari di proprietà e produce per la maggior parte Prosecco Doc, Vini Doc Piave, Doc Venezia e una piccola quantità di Prosecco Docg.
Gli storici vigneti da vitigni autoctoni quali il Raboso, il Carmenère e il Manzoni Bianco e la Glera attorniano la sede dell’azienda e crescono rigogliosi su terreni alluvionali e argillosi, ricchi di calcio e magnesio.
Dogarina produce vini moderni ed eleganti, nel rispetto della cultura e dell’anima agricola che da sempre la contraddistingue, anche grazie alla sapiente abilità degli enologi che negli anni ne hanno affinato le tecniche di fermentazione ed elaborazione delle uve. Il metodo utilizzato da Dogarina per la produzione dei suoi spumanti è quello della spumantizzazione in autoclave che esalta il carattere floreale e fresco del Prosecco. L’azienda, consapevole dell’importanza che questo comparto ha assunto in questi anni ha i requisiti necessari per diventare la protagonista indiscussa del panorama vitivinicolo trevigiano. 

La bottaia, fiore all'occhiello dell’azienda, custodisce gelosamente le barrique dove riposano i vini della gamma“Selezioni”


quali il Raboso e il Cabernet Sauvignon. I locali, mantenuti a temperatura controllata, permettono ai vini un invecchiamento ottimale nel rispetto delle leggi della natura, esaltandone aromi e profumi. 

Certificazioni:
Dogarina ha da poco ottenuto le certificazioni British Retail Consortium (BRC) e International Food Standard (IFS), i modelli riconosciuti in tutto il mondo come garanti della massima sicurezza e salubrità del prodotto, che regolano il settore agroalimentare in tutte le fasi produttive, promossi dalla Grande Distribuzione Organizzata.

 Con la certificazione BRC Dogarina è diventata idonea per la commercializzazione nella GDO Inglese, in quanto certificata sicura alla produzione, al confezionamento, al deposito e alla distribuzione di vini, secondo gli standard richiesti da questo specifico mercato. 

Con la certificazione IFS, Dogarina si è qualificata con massimo punteggio per la commercializzazione dei suoi vini anche nei mercati tedesco e francese.

Fra i vini degustati  abbiamo particolamente apprezzato il nuovo Manzoni Bianco spumante , il Sauvgnon e il Carmenère .
.
Al rinnovato Wine Shop si possono degustare tutti i vini bianchi e rossi della nuova annata, il nuovo Manzoni Bianco Spumante Brut appena presentato al Vinitaly, il recentissimo Moscato Spumante Dolce messo sul mercato a Pasqua e il fiore all’occhiello della produzione Dogarina, il Prosecco Doc nelle versioni Brut ed Extra Dry, accompagnati da un ricco buffet di specialità locali.

Per info, costi e prenotazioni: +39 0422 804129 o info@dogarina.it 

Indirizzo: Via Arzeri, 35 - 31040 Campodipietra di Salgareda (TV)
 www.dogarina.it 
 Facebook: Dogarina
Share:
Blogger Template Created by pipdig